Avviato il gruppo di supporto psicologico alle famiglie

9 marzo 2013 – Al via la prima seduta dedicata ai familiari dei pazienti che compiono il percorso residenziale presso le Strutture Riabilitative della Fondazione

Al termine di un intenso e meditato lavoro preparatorio che ha coinvolto lo staff clinico della Fondazione, si è avviato un gruppo di sostegno psicologico condotto da due operatori, riservato a chiunque sia un familiare (coniuge, coppia genitoriale, figli, fratelli, sorelle) della persona in cura o altra figura di riferimento significativa e che desideri relazionarsi con persone che vivono la stessa situazione e incontrano le medesime problematiche.
L’esperienza che viene proprosta è sostenuta dalla convinzione che anche per i familiari la dimensione comunitaria possa rappresentare una risorsa utile e positiva, costituendo un “terreno” su cui si possono innestare e condividere le proprie esperienze, preoccupazioni e speranze, oltre a domande e richieste di informazioni. Sappiamo per esperienza comune, infatti, che i momenti di difficoltà possono far correre il rischio di spingere verso l’isolamento, ma possono anche costituire l’occasione per un avvicinamento reciproco con altre persone e famiglie che vivono la stessa condizione. Tramite la condivisione i partecipanti possono sentirsi compresi e contemporaneamente aumentare la propria capacità di comprensione, alleggerendo il carico di ansia che la malattia di un congiunto o il suo ricovero può produrre su tutti i membri della famiglia.
Il gruppo di sostegno multifamiliare offre pertanto il duplice vantaggio di poter fruire del supporto psicologico di professionisti esperti, ma anche del sostegno competente di altre famiglie che hanno vissuto sulla propria pelle l’esperienza della malattia, con l’obiettivo di riattivare le risorse che ogni famiglia possiede e che spesso risultano offuscate dalla solitudine e dalla sofferenza.
Il gruppo si riunisce presso la Fondazione con cadenza mensile, il secondo sabato del mese, dalle 10h00 alle 11h30, con la sola interruzione dei mesi di luglio e agosto. Per parteciparvi è necessario segnalare preliminarmente il proprio interesse alla dott.ssa Luciana Bottani, Conduttrice dell’attività.